Caravaggio di Derek Jarman per la rassegna Capodimonte dopo Vermeer

Giovedì 23 novembre alle ore 19.00 nell’Auditorium del Museo e Real Bosco di Capodimonte il quarto appuntamento con La settima arte a Capodimonte, la rassegna cinematografica curata da Maria Tamajo Contarini (Museo e Real Bosco di Capodimonte) e Marialuisa Firpo (Cinema Hart), nell’ambito del calendario di eventi Capodimonte dopo Vermeer, finanziata con fondi POC della Regione Campania.

Dopo Mr. Turner, in programma Caravaggio di Derek Jarman, film biografico del 1986 con Nigel Terry, Sean Bean, Tilda Swinton, Spencer Leigh, Robbie Coltrane.

Un film drammatico, sensuale, dalle tinte forti e molto figurativo che ben racconta l’uomo Michelangelo Merisi da Caravaggio, personaggio complesso e tortuoso, scuro e ambiguo, dal talento selvaggio, con le sue debolezze e i suoi tormenti.

Introduce la proiezione il regista Nicolangelo Gelormini.

 

Derek Jarman, regista underground inglese ma di formazione artistica, rappresenta la vita del Caravaggio utilizzando continui riferimenti pittorici.

 

Psicologico e con molte fantasie storiche, Caravaggio di Derek Jarman è un film provocatorio, come nel suo stile.

 

Il film è visivamente impressionante. È noto per la trama e l’attenzione ai dettagli, l’intensa interpretazione e il senso dell’umorismo stravagante, in particolar modo per quanto riguarda le figure dei committenti, oppure del Papa, presentato come un grottesco guerrafondaio.

 

Presentando Caravaggio come uno degli inventori della tecnica del chiaroscuro, aiuta a dare espressione alla leggenda che si stava creando intorno a lui.

 

Molto suggestivo, con fondali scuri, rosso, ruggine, marrone su cui si susseguono tableaux vivants.

 

Nel film non esistono sequenze narrative, ma solo una successione d’interni metafisici che richiamano il tipico spazio caravaggesco.

 

Nicolangelo Gelormini, regista che introdurrà il film Caravaggio di Derek Jarman, intraprende  la  strada  del  Cinema  come  assistente  di  Paolo  Sorrentino  e con alcune regie  in ambito musicale.

 

La sua carriera è costellata di premi e riconoscimenti per i suoi lavori in cui mette il suo sguardo sull’arte, la bellezza e l’architettura.

 

Ad accogliere il pubblico un drink di benvenuto.

 

 

Prossimo film in programma:

 

Giovedì 30 novembre: Frida di Julie Taymor | 2002, USA | 123 minuti
con Salma Hayek, Alfred Molina e Geoffrey Rush

Introduce Marialuisa Firpo

 

 

Per raggiungere il Museo e Real Bosco di Capodimonte:
Navetta Shuttle da Piazza Trieste e Trento (Teatro San Carlo)
Fermate a richiesta lungo il percorso
Tariffe da 2.00 euro per singola tratta per i napoletani e da 5 euro per i turisti.

 

Il pubblico della rassegna potrà parcheggiare l’auto nel parcheggio di Porta Piccola.

 

Ecco qui come raggiuncerci.