Mele

Mele Progetto 2. Napoli città di piazze

Domenica 19 febbraio alle ore 11.00 il terzo appuntamento con i laboratori di MeLe Progetto, Napoli città di piazze, a cura di Archipicchia! Architettura per Bambini, attività rivolta a bambini di età compresa tra gli 8 e i 10 anni di età, che si svolgerà nello spazio di esposizione permanente del Museo di Capodimonte dedicato alla collezione dei Manifesti Mele.

L’iniziativa, promossa dal Museo di Capodimonte e dall’Associazione Amici di Capodimonte onlus, e che si articola in incontri mensili, da dicembre 2016 a maggio 2017, è realizzata grazie al contributo della Fondazione Emiddio Mele, che ne sostiene interamente i costi, per assicurare la partecipazione gratuita a tutti i bambini.

San Valentino. L’amore narrato al Museo di Capodimonte

Martedì 14 febbraio alle ore 11.00 per festeggiare San Valentino il Museo di Capodimonte vi propone l’amore dipinto e l’amore narrato, un viaggio tra arte, mito e letteratura nei capolavori della Collezione Farnese a cura dei Servizi Educativi.

Un invito all’amore e alla passione per l’arte per lasciarsi conquistare dalle seducenti opere del Museo di Capodimonte.

 

Non sia mai ch’io ponga impedimenti

All’unione di due anime fedeli: Amore non è Amore

Se muta quando scopre un mutamento

O tende a svanire quando l’altro s’allontana…

Innamòrati

Innamòrati / innamoràti di Napoli a Capodimonte

Domenica 12 febbraio alle ore 10.45 per la seconda edizione di Innamòrati / Innamoràti di Napoli Sergio Fermariello, tra i massimi esponenti dell’arte napoletana e internazionale degli ultimi trent’anni, ci racconterà l’opera Guerrieri esposta nella sezione contemporanea del Museo di Capodimonte.

Cicerone illustre del programma di visite dell’Assessorato alla Cultura ed al Turismo del Comune di Napoli, Fermariello ci farà innamorare di Capodimonte.

A seguire una guida turistica abilitata della Regione Campania accompagnerà i partecipanti in visita al Museo.

Van Gogh ritrovato e narrato

Tutti i giorni dal 12 al 26 febbraio alle 11.00 e alle 16.00 al Museo e Real Bosco di Capodimonte gli addetti ai Servizi Educativi vi racconteranno la straordinaria storia dei due dipinti di Van Gogh rubati 14 anni fa al Van Gogh Museum di Amsterdam e ritrovati dalla Guardia di Finanza in un covo della camorra.

Un’occasione imperdibile per accostarsi all’opera di uno dei più celebri artisti di sempre, che al pari di Caravaggio incarna il dramma del destino e della fragilità umana.

La Marina di Scheveningen e la Congregazione che esce dalla Chiesa Riformata di Nuenen saranno esposte al pubblico per tre settimane al secondo piano del Museo, senza alcuna maggiorazione del biglietto di ingresso, come avvenuto per la mostra di Vermeer.

Van Gogh. Il racconto di una giornata di riscatto

Dopo il grande successo della conferenza stampa apre oggi al pubblico la mostra voluta dal direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte Sylvain Bellenger sui capolavori ritrovati di Van Gogh che saranno esposti a capodimonte fino al 26 febbraio, prima del rientro ad Amsterdam.
Una storia di amore per l’arte, di generosità, di orgoglio e arricchimento per ognuno di noi che ci aiuta a mantenere vivi speranza e coraggio.

Van Gogh. I capolavori ritrovati

Martedì 7 febbraio saranno esposti per tre settimane al Museo e Real Bosco di Capodimonte, prima di tornare in Olanda, i due dipinti di Vincent Van Gogh rubati 14 anni fa al Van Gogh Museum di Amsterdam e ritrovati dalla Guardia di Finanza in un covo della camorra, a settembre dello scorso anno.

L’esposizione delle tele, accolta con entusiasmo dal Museo olandese, è promossa dal Ministero dei beni e delle Attività Culturali e Turismo, dal Museo e Real Bosco di Capodimonte e finanziata dalla Regione Campania. Il progetto è attuato dalla Scabec Spa, con l’organizzazione a cura di Electa, senza alcuna maggiorazione del prezzo di ingresso, come avvenuto per la mostra di Vermeer.

Van Gogh. I capolavori ritrovati. Conferenza stampa

Dal 7 febbraio 2017 per soli 20 giorni saranno esposti in esclusiva per il pubblico del Museo e Real Bosco di Capodimonte a Napoli i due dipinti di Vincent Van Gogh rubati 14 anni fa al Van Gogh Museum di Amsterdam da due malviventi e ritrovati in Italia in un covo della camorra nel settembre 2016 grazie al lavoro della Guardia di Finanza e della Procura di Napoli.

I dipinti saranno esposti al secondo piano del museo accanto alla Sala del Caravaggio fino al 26 febbraio 2017.

Caccia al tesoro

Caccia al tesoro tra i capolavori del Museo di Capodimonte

Domenica 5 febbraio per la #domenicalmuseo a ingresso gratuito al Museo e Real Bosco di Capodimonte, alle ore 9.30 il Museo accoglierà i bambini che potranno, grazie a una caccia al tesoro, divertirsi imparando, raccontando poi, tramite disegni e parole ciò che li ha colpiti, interessati o sorpresi.

Prosegue l’iniziativa Scopri il tuo museo che i servizi didattici del Museo di Capodimonte propongono ai più piccoli e alle loro famiglie e che riscuote sempre grandissimo successo grazie alla tradizione didattica del Museo, capace di avvicinare con un linguaggio ad hoc, e percorsi appositamente studiati, i più piccoli ai capolavori della collezione permanente.

Tutti i bambini avranno una mappa tematica, di linguaggio immediato che si può scaricare anche dal nostro sito e da www.sed.beniculturali.it.

Enzo Salomone racconta Vermeer, il pittore senza tempo

Domenica 5 febbraio alle ore 17.00 e alle ore 18.00, per la #domenicalmuseo a ingresso gratuito al Museo e Real Bosco di Capodimonte, Van Gogh, Thoré, Proust e Ungaretti incontrano Vermeer, il pittore senza tempo con la voce dell’attore Enzo Salomone.

L’evento, a cura di Lorella Starita, sarà ancora un’occasione per ammirare la mostra Vermeer. La donna con il liuto, dal Metropolitan Museum aperta al pubblico fino al 9 febbraio.

Simone Vallerotonda in concerto per Vermeer

Sabato 28 gennaio alle ore 17.00 nella Sala di Tiziano, Luci e Ombre Sonore, concerto per tiorba e chitarra di Simone Vallerotonda che eseguirà, in omaggio alla mostra Vermeer, la donna con il liuto, brani scelti di musicisti del Seicento europeo, e non solo, alla scoperta di un periodo musicale e storico straordinario, ricco di contrasti e meraviglie, ovvero il Barocco.

Selfie

Museum Selfie Day

Mercoledì 18 Gennaio è il Museum Selfie Day organizzato da Mar Dixon: l’evento più divertente del web!

Chi dice che i musei sono noiosi? Noi, come Mar Dixon, soffriamo per quelle persone che non fanno selfie o altre cose divertenti nei musei.

I always feel so bad for those people who don’t get or any fun in museums. I just want to hug them and tell them it’ll be ok.

Per tutta la giornata di oggi possiamo divertirci insieme a condividere i selfie scattati nei luoghi d’arte di tutto il mondo con l’hashtag ufficiale dell’iniziativa #MuseumSelfie.

Nel segno del fuoco… le porcellane di Capodimonte

Martedì 17 gennaio alle ore 16.30 in occasione della festa dedicata a Sant’Antonio Abate, patrono del fuoco, protettore dei ceramisti e di chi opera a contatto con il fuoco, il Museo di Capodimonte vi invita ad un percorso di approfondimento sulle porcellane presenti nelle collezioni.

Nuovi accordi per il turismo sostenibile

Venerdì 13 gennaio a Palazzo San Giacomo è stato firmato l’accordo di collaborazione tra istituzioni e attrattori culturali per l’ampliamento dell’offerta e dei servizi che vede coinvolti il Museo e Real Bosco di Capodimonte, il Comune di Napoli – Assessorato alla Cultura e al Turismo, Municipalità III – l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, le Catacombe di San Gennaro e San Gaudioso, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli.
Sono intervenuti Sylvain Bellenger Direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte, Massimo Della Valle Direttore dell’Osservatorio Astronomico, Paolo Giulierini Direttore del Museo Archeologico, Giovanni Maraviglia della Cooperativa La Paranza per le Catacombe di San Gennaro e San Gaudioso, il Presidente della Municipalità III Ivo Poggiani, Antonietta Sannino Amministratore delegato dell’azienda Citysightseeing.

Tornano a casa la Trasfigurazione di Bellini e la Lucrezia di Parmigianino

Non c’è mostra prestigiosa al mondo che non chieda prestiti al Museo di Capodimonte. Né manuale di storia dell’arte o libro di divulgazione come quelli di Philippe Daverio che non riporti al suo interno almeno due o tre opere della collezione del Museo tra i capolavori del patrimonio non italiano ma mondiale.

Due di questi capolavori sono di nuovo visibili nella Collezione Farnese per i visitatori, di rientro da due mostre che hanno riscosso un considerevole successo di pubblico e critica, ovvero la Trasfigurazione di Giovanni Bellini e la Lucrezia di Parmigianino.