Incontri sensibili, inaugurazione, social

Bourgeois e Guarino. Incontri Sensibili in mostra a Capodimonte

Dopo il grande successo dell’inaugurazione di sabato scorso, è aperta al pubblico dal 26 marzo al 17 giugno la mostra  Incontri sensibili, a cura di Sylvain Bellenger e Laura Trisorio.

Per la prima volta in Italia è esposta l’opera Femme couteau (2002) di Louise Bourgeois in dialogo con il Martirio di Sant’Agata, opera seicentesca di Francesco Guarino.

Il Direttore Sylvain Bellenger ha raccontato di come è nata l’idea della mostra, un dialogo tra due opere distanti più di trecento anni ma che rimandano entrambe a donne colpite nella loro femminilità.

Incontri sensibili, social

Louise Bourgeois e Francesco Guarino. Incontri sensibili

Sabato 25 marzo alle ore 11.00 al Museo di Capodimonte sarà inaugurata la mostra Incontri sensibili, aperta al pubblico dal 26 marzo al 17 giugno, a cura di Sylvain Bellenger e Laura Trisorio, dove verrà esposta per la prima volta in Italia l’opera Femme couteau (2002) di Louise Bourgeois in dialogo con il Martirio di Sant’Agata, opera seicentesca di Francesco Guarino.

Donne colpite nella loro femminilità. L’eroina cristiana Sant’Agata coi seni mutilati che guarda fiera e sensuale il suo spettatore incontra la figura giacente della Bourgeois, vittima dal corpo mutilato della testa e degli arti, su cui incombe la lama minacciosamente in bilico della violenza ancora in agguato.

Van Gogh ritrovato e narrato - social

Van Gogh i capolavori ritrovati patrimonio di tutti

Domenica 26 febbraio, in occasione dell’ultima giornata di permanenza a Capodimonte dei dipinti ritrovati di Van Gogh, i Servizi educativi del Museo, in collaborazione con la Cooperativa la Paranza, offriranno visite laboratorio gratuite incluse nel biglietto d’ingresso al museo per famiglie con bambini dai 6 agli 11 anni.

Quattro appuntamenti, alle ore 10.00, 11.00, 16.30 e 17.30, per un itinerario raccontato in forma di fiaba al secondo piano del Museo alla ricerca di opere rubatebottino di guerra che sono state restituite alla collettività.

Van Gogh ritrovato e narrato - social

Van Gogh ritrovato e narrato

Tutti i giorni dal 12 al 26 febbraio alle 11.00 e alle 16.00 al Museo e Real Bosco di Capodimonte gli addetti ai Servizi Educativi vi racconteranno la straordinaria storia dei due dipinti di Van Gogh rubati 14 anni fa al Van Gogh Museum di Amsterdam e ritrovati dalla Guardia di Finanza in un covo della camorra.

Un’occasione imperdibile per accostarsi all’opera di uno dei più celebri artisti di sempre, che al pari di Caravaggio incarna il dramma del destino e della fragilità umana.

La Marina di Scheveningen e la Congregazione che esce dalla Chiesa Riformata di Nuenen saranno esposte al pubblico per tre settimane al secondo piano del Museo, senza alcuna maggiorazione del biglietto di ingresso, come avvenuto per la mostra di Vermeer.

Van Gogh - Inaugurazione - social

Van Gogh. Il racconto di una giornata di riscatto

Dopo il grande successo della conferenza stampa apre oggi al pubblico la mostra voluta dal direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte Sylvain Bellenger sui capolavori ritrovati di Van Gogh che saranno esposti a capodimonte fino al 26 febbraio, prima del rientro ad Amsterdam.
Una storia di amore per l’arte, di generosità, di orgoglio e arricchimento per ognuno di noi che ci aiuta a mantenere vivi speranza e coraggio.

Van Gogh - cs - social

Van Gogh. I capolavori ritrovati. Conferenza stampa

Dal 7 febbraio 2017 per soli 20 giorni saranno esposti in esclusiva per il pubblico del Museo e Real Bosco di Capodimonte a Napoli i due dipinti di Vincent Van Gogh rubati 14 anni fa al Van Gogh Museum di Amsterdam da due malviventi e ritrovati in Italia in un covo della camorra nel settembre 2016 grazie al lavoro della Guardia di Finanza e della Procura di Napoli.

I dipinti saranno esposti al secondo piano del museo accanto alla Sala del Caravaggio fino al 26 febbraio 2017.

Domenico Spinosa

Capodimonte per Domenico Spinosa

Anche il Museo di Capodimonte rende omaggio a Domenico Spinosa (Napoli, 1916 – 2007), tra i maggiori interpreti dell’arte Informale in Italia, in occasione della mostra Domenico Spinosa. 100 anni dopo a Villa Pignatelli, a cura di Valentina Lanzilli e Aurora Spinosa.

Da giovedì 22 dicembre alle ore 17.00, accanto ai dipinti della sezione di Contemporaneo del MuseoÈ nata una larva e Tempio grigio (1959) – si potranno ammirare altre opere della maturità artistica di Spinosa,  Torchio tipografico (1958), Il proiettore al sole, Natura morta e Luce bianca (1961).

phallaina1

Phallaina al Museo e Real Bosco di Capodimonte

Dal 21 novembre al 30 marzo il Real Bosco di Capodimonte ospiterà per la prima volta il progetto Phallaina di Marietta Ren, un dispositivo narrativo ibrido composto da un romanzo grafico digitale concepito per gli schermi tattili e da un arazzo visivo, sonoro e interattivo.

Definito come il primo esempio di bande defilée Phallaina è un progetto unico e innovativo nel suo genere, un fumetto senza riquadri, di lunghezza equivalente a 1600 schermi iPad, cui si aggiungono gli effetti di parallasse e sound design, nel quale l’utilizzatore decide l’inquadratura. L’applicazione offre all’utente l’opportunità di seguire il proprio ritmo, leggendone il testo lasciandosi accompagnare dall’ambiente sonoro che si evolve con la storia. E’ fruibile gratuitamente per Android e iTunes in inglese e francese.

vermeer-a-capodimonte

Vermeer, La donna con il liuto dal Metropolitan Museum

La donna con il liuto del pittore olandese Jan Vermeer (Delft, 1632 – 1675) dal Metropolitan Museum di New York sarà esposta, per la prima volta a Napoli, al Museo di Capodimonte dal 18 novembre 2016 al 9 febbraio 2017 senza alcuna maggiorazione sul biglietto ordinario.

Una mostra gratuita e inclusa nel prezzo del biglietto per espresso volere del direttore Sylvain Bellenger, che in soli tre giorni di apertura ha già riscosso grande successo e entusiasmo da parte dei visitatori che hanno anche provato l’app, gratuita e già disponibile per dispositivi iOS e Android, dedicata alle opere in mostra.

 

Archipicchia

Mostriamoci. Mele progetto dal cucchiaio alla città

Domenica 3 luglio ad ingresso gratuito dalle 10.00 alle 14.00 sarà inaugurata la mostra temporanea delle opere dei piccoli partecipanti al Mele Progetto, dal cucchiaio alla città, promosso dal Museo di Capodimonte e da Amici di Capodimonte onlus e curato dall’Associazione Archipicchia! Archittetura per bambini.

 

Inganno 2

L’inganno dell’occhio a Capodimonte

Dal 19 ottobre al 27 novembre 2015 il Museo di Capodimonte ospiterà la mostra L’inganno dell’occhio, promossa dall’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania e dalla Direzione del Museo di Capodimonte, in collaborazione con l’associazione Libera.