Ferragosto d’arte e natura al MANN e al Museo e Real Bosco di Capodimonte

L’arte non va in vacanza, nemmeno a Ferragosto.

A Napoli resteranno aperti i due grandi musei della città: il MANN e il Museo e Real Bosco di Capodimonte, entrambi custodi della preziosa collezione Farnese.

Un’occasione importante, per turisti e residenti, di trovare refrigerio nei grandi capolavori dell’arte.

 

 

Capodimonte – mostre in corso

 

Al Museo e Real Bosco di Capodimonte – aperto dalle ore 8.30 fino alle ore 17.00 (chiusura biglietteria alle ore 16.00) sarà possibile visitare al primo piano la collezione Farnese e la Galleria delle cose rare e la piccola esposizione-focus Canova un restauro in mostra (fino al 30 settembre 2019), mentre al secondo piano (con apertura a partire dalle ore 9.30) sarà possibile ammirare le mostre Depositi di Capodimonte. Storie ancora da scrivere (fino al 30 settembre 2019) e Jan Fabre Oro Rosso. Sculture d’oro e corallo, disegni di sangue (fino al 15 settembre 2019).

 

Inoltre, nel giorno dedicato all’Assunzione delle Vergine Maria, invitiamo il pubblico a cercare le pitture sul tema. Noi ve ne abbiamo selezionate due: l’Assunzione di Masolino da Panicale (esposta al primo piano accanto al Masaccio) e quella del Pinturicchio, visibile nella Galleria del secondo piano. Eccole nel confronto che vi proponiamo, invitandovi a postare sui nostri social quella che più preferite.

 

da sx “Assunzione della Vergine” di Masolino da Panicale e a dx “Assunzione della Vergine del Pinturicchio”


 

MusiCapodimonte

 

Inoltre, il M° Rosario Ruggiero, al pianoforte, allieterà il pubblico con la sua musica nella sala dedicata alla pittura emiliana (sala 12), a partire dalle ore 10.30 fino alle 12.30, mentre nelle altre sale del museo gli attori della Compagnia Arcoscenico faranno la felicità dei più piccoli. Le attività sono offerte dall’associazione MusiCapodimonte.


 

Belvedere e Real Bosco 

 

Inoltre, sarà possibile godere della frescura all’ombra degli alberi monumentali nel Parco dei Principi (il Canforo, il Taxodium e molti altri), godere del panorama sul Belvedere, fare una passeggiata lungo i viali, portare il proprio amico a quattro zampe nell’area cani o praticare sport lungo il nuovo percorso vita: 15 stazioni fitness per tenere allenato il corpo e liberare la mente dallo stress.

 

Chi visita il MANN e Capodimonte può comprendere, in due soli musei, la grandezza della civiltà italiana, dai Greci ai Romani, dal Rinascimento al Barocco fino all’arte contemporanea afferma il direttore Sylvain Bellenger che consiglia anche una passeggiata all’ombra degli alberi secolari nei pressi della Manifattura delle porcellane.

 


 

Aperture serale: 17 e 24 agosto

 

Inoltre, sabato 17 agosto e sabato 24 agosto, dalle ore 19.30 alle ore 22.30, apertura serale straordinaria con ingresso al museo a 1 euro; chiusura biglietteria alle ore 21.30.

 


MANN – mostre in corso

 

A Ferragosto si potrà visitare il MANN dalle 9.00 alle 19.30 (ultimo ingresso ore 19.00); resteranno aperti tutta la giornata Atrio e Collezione Farnese, così come saranno sempre accessibili le mostre MANN on the moon, Paideia. Giovani e sport nell’ antichità, Corto Maltese. Un viaggio straordinario (piano seminterrato) e Gli Assiri all’ombra del Vesuvio (secondo piano).

Fruibili, sino alle 14.00, Mosaici, Gabinetto Segreto e collezione Magna Grecia, mentre Affreschi, Tempio di Iside e le esposizioni Blub. L’arte sa nuotare Sotto mentite spoglie di Luciano e Marco Pedicini si potranno ammirare in orario pomeridiano (dalle 14.00 sino alla chiusura).

Aperte collezione Egizia ed Epigrafica.

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli si prepara anche alle giornate gratuite previste nell’ambito della campagna ministeriale #IoVadoAlMuseo: prossime date domenica 18 e 25 agosto.

 

 

La straordinaria Collezione Farnese, divisa tra il MANN e Capodimonte, aspetta i tanti turisti che amano l’arte a Ferragosto. I due musei sempre più vicini anche in vista delle celebrazioni di Parma 2020 dedicate, tra gli altri, ai Farnese, dichiara il Direttore dell’Archeologico, Paolo Giulierini.


 

Seguite gli aggiornamenti sui nostri canali social