Festa del Mandarino al Real Bosco di Capodimonte

Il Museo e Real Bosco di Capodimonte promuove per sabato 2 e domenica 3 dicembre 2017 la Festa del Mandarino a Capodimonte, presso il Cellaio e il Giardino Torre in occasione del duecentesimo anniversario della piantumazione del mandarino originario della Cina all’interno del Real Bosco, in collaborazione con le associazioni L’Immagine del Mito, che da sei anni organizza la Festa del Mandarino nei Campi Flegrei, Amici di Capodimonte onlus, MusiCapodimonte e Insieme per i Ponti Rossi.

La festa comincia sabato 2 dicembre (ore 11.00, Cellaio) con la presentazione alla stampa e al pubblico dell’iniziativa con il direttore Sylvain Bellenger, Domenico Ferrante e Sergio Pepicelli (associazione Immagine del Mito) Attilio Montefusco (Camera di Commercio di Napoli-Promos Ricerche). Saranno presenti gli amministratori di tutti i Comuni coinvolti nella manifestazione.

 

A conclusione della conferenza stampa sarà recitata dall’attrice Antonella Morea la poesia A Madonna d”e mandarine di Ferdinando Russo e a seguire un breve recital di canzoni tratte dal repertorio popolaresco napoletano accompagnate dal M° Vittorio Cataldi, a cura dell’associazione MusiCapodimonte.

 

Cellaio, Convegno - Foto Alessio Cuccaro

 

Una degustazione di prodotti a base di mandarino (panettone, marmellate, spremute, mandarinetto) preparati da rinomati pasticcieri e aziende agricole, a cura dell’associazione “L’immagine del mito” e attività educative per i bambini e punto-informativo sulle proprietà nutrizionali del mandarino con la nutrizionista Lisa Petagna, a cura dell’associazione Insieme per i Ponti Rossi che organizzerà anche una visita guidata all’agrumento del Giardino Torre: occasione da non perdere per scoprire uno degli angoli più nascosti del bosco, il giardino delle delizie del re.

 

Giardino Torre - 02b - Foto Alessio Cuccaro

 

La festa del mandarino prosegue anche domenica 3 dicembre (ore 10.30-13.00, Cellaio) con la degustazione di prodotti vari a base di mandarino (panettone, marmellate, spremute, mandarinetto) offerta dall’associazione L’immagine del mito, le attività educative per i bambini e la presenza di un punto-informativo sulle proprietà nutrizionali del mandarino a cura dell’associazione “Insieme per i Ponti Rossi” e possibilità di visita all’agrumento del Giardino Torre.

 

Ad accogliere gli ospiti ci saranno gli studenti delle scuole superiori “Vilfredo Pareto” di Pozzuoli e dell’istituto agrario “Giovanni Falcone” di Licola che presenteranno le produzioni agroalimentari preparati dagli stessi studenti, i ragazzi della scuola comprensoriale “Novaro-Cavour” della III municipalità Stella-San Carlo all’Arena.

 

Il mandarino è un agrume di origine cinese, dalle eccellenti qualità nutritive ed organolettiche, che arriva in Italia all’Orto botanico di Palermo nel 1810 e dopo qualche anno, nel 1816, approda nel Real Orto Botanico di Napoli retto dal grande botanico Michele Tenore per acquisire la denominazione di “Citrus Deliciosa”.

 

Ma dal Real Orto Botanico al Real Parco di Capodimonte il passo è breve, nel 1817 l’albero del mandarino viene piantato nell’Orto delle Delizie per allietare la tavola della famiglia reale dei Borbone in inverno.

 

A distanza di 200 anni, gli alberi di mandarino continuano a crescere nel Giardino Torre all’interno del bosco di Capodimonte, in compagnia di altri frutti e varietà botaniche.

 

“L’Immagine del Mito” da molti anni è impegnata per la rivalutazione e la promozione del Mandarino dei Campi Flegrei, e quest’anno dà il via alla sesta edizione della “Festa del Mandarino dei Campi Flegrei” proprio da Capodimonte.

 

Sfoglia il programma:



 

Oppure scarica il programma cliccando qui.

 

Molte altre sorprese vi aspettano, che potrete scoprire sul sito web e sui nostri social.

 

 

Continuate a seguirci e venite a trovarci.

 

Per raggiungere il Museo di Capodimonte:
Navetta Shuttle da Piazza Trieste e Trento (Teatro San Carlo)
Fermate a richiesta lungo il percorso
Tariffe da 2 euro per singola tratta per i napoletani e da 5 euro per i turisti