Festival della Musica popolare del Sud Italia: tradizioni, suoni, danze

Dal 21 al 24 giugno 2018 le tradizioni, i suoni e le danze del Mezzogiorno d’Italia saranno i protagonisti del primo Festival della Musica popolare del Sud Italia organizzato dal Museo e Real Bosco di Capodimonte, con la direzione artistica di Peppe Barra in collaborazione con Antonio Acocella, direttore del Centro di Cultura popolare del Mediterraneo, il coordinamento di Aurora Giglio, presidente dell’associazione MusiCapodimonte e il sostegno della Regione Campania nell’ambito delle iniziative Carta Bianca nel Bosco.

Mercoledì 20 giugno 2018 alle ore 11.00 (salone Camuccini, I piano) conferenza stampa-spettacolo con Sylvain Bellenger, Peppe Barra, Rosanna Romano, Aurora Giglio, Antonio Acocella e Maria Varriale e gli artisti coinvolti.

 

Una grande festa della musica, quattro giorni nel Real Bosco di Capodimonte con il Festival della Musica popolare del Sud Italia da giovedì 21 a domenica 24 giugno 2018.

 

Per ascoltare i suoni del Sud eseguiti dal vivo dalle principali compagnie di canto popolare della Campania, della Calabria e della Puglia (area concerti, ore 20.00).

 

Per imparare a ballare le danze la tarantella calabrese, la pizzica tarantata e le tammurriate campane (Cellaio, ore 17.00).

 

Ma anche seminari e workshop per approfondire l’ampio mondo delle tradizioni popolari del Sud Italia con le voci più autorevoli del settore (Cellaio, ore 16.00 e sabato 23 e domenica 24, ore 11.00).

 

Una vera e propria indagine etnomusicologa per una piena consapevolezza dell’immenso patrimonio immateriale rappresentato dalla musica popolare nel Sud Italia.

 

Ecco il programma nel dettaglio del Festival della Musica popolare del Sud Italia, giorno per giorno.

 


Giovedì 21 giugno 2018

ore 16.00 (Cellaio) – incontri culturali
Suono di famiglia. Memoria e musica in un paese della Calabria grecanica
a cura del prof. Antonello Ricci, antropologo e musicista e Mimmo Morello, polistrumentista

ore 17.00 (Cellaio) – stage di danza
Tarantella Calabrese
con Alessandra Mariano e Mimmo Morello

 

ore 20.00 (Area Concerti) – musica live
Calabria

Mimmo Cavallaro


Venerdì 22 giugno 2018

ore 16.00 (Cellaio) – incontri culturali
Il tarantismo: dal rito alla scena
a cura della dott.ssa Maristella Martella, danzatrice-coreografa

ore 17.00 (Cellaio) – stage di danza
Pizzica tarantata
con Maristella Martella

 

ore 20.00 (Area Concerti) – musica live
Puglia
I Cantori di Carpino


Sabato 23 giugno 2018

ore 10.00 – Cellaio (stage di danza)
Baby-Folk
con Raffaella Vacca
Primo approccio alle danze popolari (dedicato ai più piccoli)

ore 11.00 (Cellaio) – incontri culturali
Presentazione libro
“Storia della canzone Napoletana” – I° volume – edizioni Neri Pozza Milano
Incontro con l’autore
Prof. Pasquale Scialò

 

 

ore 16.00 (Cellaio) – incontri culturali
Il canto e ballo sul tamburo tra fonti storiche, stili areali e processi di trasformazione
a cura del prof. Raffaele Di Mauro, etnomusicologo e prof. Ugo Vuoso antropologo

ore 17.00 (Cellaio) – stage di danza
Tammurriate campane
con Maria Grazia Altieri

ore 20.00 (Area Concerti) – musica live
Campania
‘O Lione e paranza

 

Mimmo Maglionico
Orchestra Tammorre e putipù

 

 

Marcello Colasurdo


Domenica 24 giugno 2018

ore 10.00 – Cellaio (stage di danza)
Baby-Folk
con Raffaella Vacca
Primo approccio alle danze popolari (dedicato ai più piccoli)

 

 

ore 11.00 (Cellaio) – incontri culturali
“Grammofoni e vecchi vinili” – ascolto guidato di rari dischi in vinile a 78 giri
a cura del collezionista avv. Teodoro Cicala

dalle ore 17.00 (Area Concerti) – musica live
Tammorre al bosco…in libertà!
Suddaria
chiamano a raduno tutti coloro che vorranno suonare e danzare…in libertà.

ore 16.00 (Cellaio) – incontri culturali
Il Museo Etnomusicale, i suonatori e la tarantella di Montemarano
Introduce Luigi D’Agnese ricercatore etnografico e fondatore del museo


 

A chiusura della manifestazione domenica 24 giugno dalle ore 17.00 tutti gli artisti di strada sono invitati a suonare liberamente nel Real Bosco di Capodimonte.

 

INGRESSO LIBERO

Seminari e stage di danze popolari sono a titolo gratuito ma è necessaria la prenotazione al numero +39 347 310 68 04
Fb MusiCapodimonte

 

Progettazione: Antonio Acocella
Coordinamento: Aurora Giglio
Direzione incontri culturali: Maria Varriale
Programmazione: Serena Zullo
Tour-manager: Carmine Varriale
Ingegnere del suono: Ciro Ascione
Foto: Valeria Montanino
Digital e social marketing: Luca De Simone
Infopoint: Diletta Costa e Roberta Galizia

 

INFORMAZIONI UTILI

Dopo i concerti serali il pubblico potrà uscire dal bosco utilizzando la Porta di Mezzo.

Ricordiamo che per uscire dal Museo e Real Bosco di Capodimonte il varco aperto sarà Porta Piccola. Porta Grande invece chiuderà alle 21.00.

Non sarà possibile parcheggiare in alcun modo all’interno della struttura ma è possibile usufruire di un comodo servizio per prenotare il parcheggio più vicino.

 

Per raggiungere i luoghi del Festival potete consultare e scaricare la mappa del bosco. L’area preposta è quella intorno all’edificio del Cellaio (7).

 

 

Buon Festival a tutti!

 

 

Per raggiungere il Museo e Real Bosco di Capodimonte:
Navetta Shuttle da Piazza Trieste e Trento (Teatro San Carlo)
Fermate a richiesta lungo il percorso
Tariffe da 2.00 euro per singola tratta per i napoletani e da 5 euro per i turisti.