Giornata Nazionale Parkinson: Arte e Movimento

Sabato 24 novembre 2018, in occasione della decima edizione della Giornata Nazionale Parkinson i centri Parkinson delle Università della Campania “Luigi Vanvitelli” e Federico II e dell’azienda ospedaliera Cardarelli di Napoli in collaborazione con il Museo e Real Bosco di Capodimonte e l’associazione Parkinson Parthenope, saranno protagonisti della giornata di studio Arte e Movimento che si svolgerà dalle ore 9.30 presso la Sala degli Arazzi del Museo (secondo piano).

Dopo i saluti introduttivi di Sylvain Bellenger, direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte e di Gioacchino Tedeschi presidente eletto Società Italiana di Neurologia, si terrà una performance di danza moderna Il luogo dei Passi del Modern Advisor Dance Project con coreografia di Stefania Contocalakis per comprendere qual è il luogo del movimento e quanta parte di esso è in noi e quanta nella sua realizzazione è fuori di noi.

 

 

Seguirà la presentazione dell’attività 2018-2019 dell’associazione Parkinson Parthenope da parte della sua presidente Filippina Santoro mentre Alessandro Tessitore, docente di Neurologia presso l’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” presenterà il progetto Il Parkinson incontra l’Arte che si prefigge l’obiettivo di includere, attraverso la danza contemporanea ma non solo, persone col Parkinson in un percorso di riabilitazione in ambienti esteticamente ed artisticamente densi di significato.

 

Infine, oltre alla discussione sulle principali novità in campo diagnostico e terapeutico, si terrà una speciale sessione interattiva dedicata ai pazienti “arena Parkinson-domande comode e scomode”, moderata da Antonio Mocciola con Anna De Rosa, Grazia Manfellotto, Valentino Manzo.

La Giornata Nazionale Parkinson mira a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla malattia attraverso una serie di eventi che si svolgono in tutta Italia.

 

I pazienti affetti dalla malattia di Parkinson in Italia sono circa 250.000 e di questi 12.000 in Campania.

Un disturbo del sistema nervoso centrale con una evoluzione lenta, ma progressiva che comporta la degenerazione, in prevalenza, di alcune cellule nervose, situate in un’area del cervello (sostanza nera), con conseguenze soprattutto sul controllo dei movimenti con lentezza nell’esecuzione degli stessi, tremore (non sempre presente) e rigidità muscolare.

 

Il Centro Parkinson della AOU “L. Vanvitelli”, coordinato dal prof. Alessandro Tessitore, e afferente alla Clinica Neurologica diretta dal prof. Gioacchino Tedeschi, è attivo ormai da diversi anni nella cura di tale malattia e nella assistenza multidisciplinare ai pazienti.

 

Linea Parkinson al numero 333 1561632, dalle ore 15.00-17.00.

 

Per maggiori informazioni www.giornataparkinson.it