Le ultime parole di Cristo: Riccardo Muti in dialogo con Massimo Cacciari tra Masaccio e Haydn

Giovedì 1° aprile alle ore 18.30 si terrà online sui canali di CUBO-Museo d’impresa del Gruppo Unipol, della Società editrice il Mulino e sulla pagina Facebook del Museo e Real Bosco di Capodimonte un dialogo in streaming tra il Maestro Riccardo Muti e il Professor Massimo Cacciari dal titolo Le ultime parole di Cristo.

In un incontro tra musica e filosofia, religione e arte, a offrire la trama del dialogo sono due opere: la Crocifissione di Masaccio e la partitura di Franz Joseph Haydn ispirata alle ultime parole pronunciate da Cristo sulla croce e composta per la cerimonia del Venerdì Santo. Intervengono anche Sylvain Bellenger direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte e Vittorio Verdone, direttore Corporate Communications and Media Relations del Gruppo Unipol.

 

Una conversazione che riprende i temi affrontati da Muti e Cacciari nel volume scritto a quattro mani Le sette parole di Cristo, pubblicato dal Mulino nel 2020 e moderata da Vittorio Verdone. Il direttore Sylvain Bellenger sarà in collegamento dalla sala del Museo e Real Bosco di Capodimonte in cui è allestita l’opera del Masaccio accanto a quella di Masolino da Panicale. Dall’analisi storico-artistica dell’opera – il fondo dorato, il Cristo in croce, la Vergine, San Giovanni e la figura imponente della Maddalena bionda con il mantello rosso e le braccia aperte al cielo – partiranno profonde riflessioni culturali e filosofiche per giungere all’idea centrale, espressa nel volume edito dal Mulino, che il pensiero non scaturisce soltanto da immagini che poi si traducono in parole, ma anche dai suoni che possono divenire musica: la pittura per quanto possa essere vertiginosa, ci inchioda a una prossimità, a una vicinanza col dipinto, mentre la musica, per la sua capacità di raggiungerci senza mediazioni, ci trasporta verso lontananze impensabili.

 

Masaccio
(Tommaso di ser Giovanni di Mone Cassai)
(San Giovanni Valdarno 1401 – Roma 1428)
Crocifissione
1426
tempera su tavola
83 x 63,5 cm
Inv. Q 36

 

Massimo Cacciari nelle pagine del libro si rivolge al Maestro Muti: “Prima di eseguire Le sette parole di Cristo sulla croce, hai invitato il pubblico dicendo: ‘Vi troverete in questo ascolto ciascuno con la propria vita, i propri dolori, le proprie paure, le proprie speranze, tutti uniti in Cristo; cioè, l’umanità di Cristo è l’umanità di voi che ascoltate’.

E già in questa riflessione c’è tutta la profondità dell’intreccio tra arte e musica, da cui partirà il loro dialogo il 1° aprile, Giovedì Santo, sulle ultime frasi del Cristo morente, che si fanno musica e senso universale, e che trascendono l’immagine stessa, divenendo pura astrazione.

 

L’evento online è libero e gratuito, si potrà seguire:

 

Per maggiori informazioni visitare il sito www.cubounipol.it

Scarica la locandina

 

Il libro: Riccardo Muti, LE SETTE PAROLE DI CRISTO. Dialogo con Massimo Cacciari, il Mulino, 2020, pagg. 136, euro 12,00 nella serie “ICONE. Pensare per immagini” curata da Massimo Cacciari.

 

 

Riccardo Muti

È stato direttore musicale di prestigiose orchestre internazionali, del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e del Teatro alla Scala. Dal 2010 è direttore musicale della Chicago Symphony Orchestra.

Dal 2015 si dedica alla formazione di giovani direttori di tutto il mondo con la Riccardo Muti Italian Opera Academy.

Ha ricevuto numerose onorificenze e lauree honoris causa.

L’etichetta discografica che si occupa delle sue registrazioni è RMMusic.

Per il Museo e Real Bosco di Capodimonte è stato curatore illustre nella mostra Carta Bianca. Capodimonte Imaginaire

 

Massimo Cacciari

È professore emerito di Filosofia nell’Università San Raffaele di Milano e socio dei Lincei. Fra i suoi ultimi libri «Il potere che frena» (2013)

 

Leggi tutti gli articoli sul blog

 

Segui gli aggiornamenti sui nostri canali social