L’Italia chiamò – Capodimonte oggi racconta… Capemonte mm’ha dato Ammore e Vvita!

Capemonte mm’ha dato Ammore e Vvita!

Oggi la nostra rubrica quotidiana “L’Italia chiamò – Capodimonte oggi racconta…” parla napoletano, la lingua di poeti, scrittori e musicisti, che ha varcato l’oceano facendo piangere e sognare intere comunità di emigranti, conquistando con la sua musicalità cittadini di tutto mondo.

La lingua che vive ogni giorno nei vicoli e non solo, che meglio di altre esprime le sfumature di un popolo, al tempo stesso fortemente identitario e da sempre accogliente verso lo straniero.

Il napoletano è la lingua che oggi hanno scelto Gianna Caiazzo e Giuseppe Murolo, due assistenti alla fruizione e alla vigilanza, per raccontarci il loro particolare rapporto con Capodimonte.

 

Gianna Caiazzo immagina un dialogo tra il piccolo re Ferdinando, lasciato dal padre Carlo sul trono di Napoli a soli 8 anni, Lo Rre piccerillo, appunto ritratto nel celebre dipinto di Anton Raphael Mengs, mentre Giuseppe Murolo ci racconta in rima il suo legame con il Bosco dove ha trovato l’amore e quello con la Reggia dove ha trovato lavoro.

 

 


 

Lo Rre piccerillo

di Gianna Caiazzo

 

Questo si dice e questo vi dico. Questa è la storia di un mistero antico.

 

I balconi chiudevano gli occhi sui giardini intorno, sugli zampilli delle fontane, sui fruscii delle palme, sui bagliori del Golfo al tramonto. I passi risuonavano nel silenzio delle stanze, rapidi, decisi, verso l’uscita. Lo sguardo fugace scivolava, ora a destra ora a sinistra, lungo le pareti, sui volti del passato dentro le cornici.

 

– Uffà! –  Una vocina sbucò dal silenzio.

 

I passi rapidi e decisi rallentarono, esitarono. Lo sguardo fugace si fermò immediato.

 

– Chi è? –

 

– Uffà, uffà! – ripetè la  vocina.

 

–  Ma chi sei? Dove sei? –

 

– Sto’ ccà signó. –

 

– Qua dove? –

 

– Qua, qua, signó, proprio dirimpetto a voi. –

 

Gli occhi si girarono intorno, si infilarono dietro le tende chiuse, dietro il cassettone cinese, dietro le portantine dorate.

 

–  Di-rim-pet-to! Qua sopra, in coppa a lo camino! –

 

Le orecchie si tesero curiose. Gli occhi si sgranarono di colpo.

 

– Mi songo sfasteriato, signó! Vi pare bello a voi? Vi pare bello? –

 

Lo scettro fiero abbandonato a terra.

 

– Vi pare bello che se ne so’ ghiuti, e a me m’hanno lassato co Tanuccio? –

 

La parrucchina bianca spettinata.

 

– Questo Tanuccio, poi, no cataplasemo! “Ferdinà, adderezza li spalle. Ferdinando parla buono. Ferdinà, nun dicere male parole!” –

 

 

Spaparanzato sulla regal poltrona, le gambe penzoloni sui braccioli.

 

– Io tengo otto anni sulamente, io voglio ascire, io voglio pazziare. Voglio pazziá lo strummolo, lo chirchio, la mazza e lo pívezo, lo carruocciolo… –

 

Piagnucolii riempirono la stanza.

 

– Lo saccio che io devo governare, saccio che chisto è lo destino mio. Songo lo Rre, ma songo piccerillo, e tengo sto deritto pure io. –

 

I passi si fecero più avanti, la mano si tese verso il muro. Poi un salto.

 

Nel silenzio si udirono, ad un tratto, gioiosi canti di girotondi antichi. Riecheggiarono intorno, risa argentine di un bimbo e di una donna.

 

 

Foto editing Gianna Caiazzo

 

 


 

 

Nnammurata ‘e Capemonte

di Giuseppe Murolo

(revisione ortografica del napoletano: Gianna Caiazzo)

 

Capemonte mm’ha dato Ammore e Vvita

Canuscette ll’ammore ‘e ggiuventù,

na guagliuncella ‘e Capemonte.

Quanti ccammenate pe ‘stu bbosco,

ce tenevemo strinte mana e mmana,

attuorno a nnuje nu silenzio, se senteva

sulo ‘addore d”a frischezza ‘e ‘sti sciardine,

nu fruscio ‘e foglie e nnuje, sotto a n’arbero, a ce vasà.

Ce fermavemo fora â Reggia e ce guardavemo

‘o Palazzo d”a Riggina d”o ppassato

So’ ppassate tant’anne, nuje ce turnammo ancora dint’a ‘stu bbosco.

Nun ce trasimmo cchiù mana e mmana tutt’e dduje,

ma purtammo pe mmana ‘o primmo frutto ‘e ll’ammore nuosto,

e ce guardammo ancora ‘sta Reggia cu cchiù ppassione,

‘sta Reggia ca mm’ha dato ‘o ppane pe pputé ccampà.

Capemonte, te porto pe ssempe dint’ô core mio,

mm’hê dato ‘a Vita e ‘Ammore

 

Bosco, Fiore di Magnolia - Foto Alessio Cuccaro

 

 

I testi di Gianna Caiazzo e Giuseppe Murolo sono inseriti nell’iniziativa  “L’Italia chiamò – Capodimonte oggi racconta”.

 

Della stessa rubrica puoi leggere:

 

Napoli Napoli: un allestimento, un’estate, un ricordo di Francesca Dal Lago

Il restauro del Buon Samaritano di Luca Giordano di Sara Vitulli, presentazione di Stefano Causa

Il Real Bosco di Capodimonte: l’arte che respira di Carmine Guarino

La Resurrezione di Cristo di Giovanni Antonio Bazzi detto il Sodoma di Patrizia Piscitello

Il trittico con le Storie della Passione di Paola Giusti

La Crocifissione di Masaccio di Alessandra Rullo

L’intervento conservativo dell’opera di Mario Merz Onda d’urto di Simonetta Funel

Onda d’urto di Mario Merz di Ophilia Ramnauth Luciana Berti

L’inaugurazione virtuale della mostra Luca Giordano di Patrizia Piscitello e Alessandra Rullo

Il racconto virtuale della mostra Luca Giordano di Sylvain Bellenger, video di Carmine Romano

La mostra Luca Giordano. Dalla Natura alla Pittura di Stefano Causa

Il bacio della nonna di Gioacchino Toma di Alessia Attanasio

Il Crocifisso ligneo del Monastero di San Paolo a Sorrento di Gennaro Galano

La Galleria fotografica di Mimmo Jodice di Giovanna Bile

Il servito da tavola di Manifattura Del Vecchio di Alessandra Zaccagnini

Gli scarti di fabbrica della Manifattura di Capodimonte di Maria Rosaria Sansone

La Madonna del Divino Amore di Raffaello di Angela Cerasuolo

L’archibugio per Ranuccio I Farnese di Antonio Tosini

Il restauro della Natività di Signorelli di Liliana Caso

La Chiesa di San Gennaro di Liliana Uccello

Gemito, o’ scultore pazzo di Sylvain Bellenger 

Vesuvius di Andy Warhol di Luciana Berti

Le acquisizioni della Real Casa dal 1870 al 1912, Gemito e non solo di Maria Tamajo Contarini

“Gemito, dalla scultura al disegno” con i contributi di Carmine Romano, Roberto Cremascoli, Sylvain Bellenger

Vincenzo Gemito di Jean-Loup Champion

Il museo di Molajoli e de Felice nel 1957 di Rosa Romano

Le vaccinazioni alla Reggia di Benedetta de Falco

La Letizia di Canova di Alessia Zaccaria

Il Bosco Reale di Nunzia Petrecca

Come nasce la passione per l’arte di Marco Liberato

La Cassetta Farnese di Patrizia Piscitello

Da Frisio a Santa Lucia di Eduardo Dalbono di Paola Aveta

Ercole al Bivio di Annibale Carracci di Valentina Canone

Il Ritratto di Fra Luca Pacioli di Alessandra Rullo

 

Seguite gli aggiornamenti sul nostro blog e i nostri canali social