L’Italia chiamò – Capodimonte oggi racconta… il Tiziano napoletano

Per la rubrica L’Italia chiamò – Capodimonte oggi racconta… Andrea Zezza, docente di Storia dell’arte moderna alla Seconda Università degli studi di Napoli e membro del Comitato Scientifico del Museo e Real Bosco di Capodimonte, ci parla dell’Annunciazione di Tiziano esposta nella collezione delle Arti a Napoli del museo, proveniente dalla Cappella Pinelli della chiesa napoletana di San Domenico Maggiore.

La storia di un’opera dalla vibrante ricerca luministica raccontata nel contesto storico che l’ha voluta.

 

Un museo, si sa, non è una cosa staccata dalla città che lo contiene: conserva una scelta, cose ritenute tra le migliori che nella storia quella città ha prodotto, ha ospitato o è stata in grado di procurarsi.

La meravigliosa collezione Farnese divisa tra il Museo Archeologico e Capodimonte non è solo la raccolta di una famiglia giunta fortunosamente e abilmente al papato in uno dei momenti più ricchi della storia culturale italiana, ma è anche la traccia della scelta di uno dei governanti della città, un giovane re giunto da lontano, di puntare anche sulle arti e sulla cultura per fare della sua città di adozione una grande capitale europea, rendendo pubblica la sua collezione familiare insieme alle meraviglie dormienti dell’antichità che il sottosuolo di Ercolano e di Pompei cominciava a restituire.

A Carlo di Borbone e alla sua famiglia dobbiamo la presenza a Napoli dei capolavori di Correggio, Parmigianino, Raffaello, Michelangelo, dei Carracci che tutti conoscono, e anche la presenza di alcuni tra i quadri più noti e più importanti della piena maturità di Tiziano, come la Danae e il Paolo III e i nipoti.

Altri capolavori di Capodimonte hanno una storia meno nota, ma non meno interessante: è il caso di un altro Tiziano, un quadro più tardo, dipinto dal maestro quando ormai era anziano, ma ancora straordinariamente inventivo.

È l’Annunciazione, oggi al secondo piano del museo, lontana dai dipinti Farnese perché arrivata al museo da una chiesa napoletana, San Domenico Maggiore.

 

Tiziano Vecellio
Annunciazione
1557 circa
olio su tela, cm 281,5 x 193,5
dalla chiesa di San Domenico Maggiore a Napoli
Museo e Real Bosco di Capodimonte

 

San Domenico è l’unica chiesa al mondo ad aver conservato insieme dipinti di Raffaello, Tiziano e di Caravaggio: tre dei maggiori artisti della storia dell’umanità.

Era una chiesa molto particolare, una delle maggiori dell’ordine dei domenicani, sede universitaria e di studi, da cui passarono San Tommaso d’Aquino, Tommaso Campanella, Giordano Bruno, ma era anche la chiesa in cui si riunivano e si confrontavano le grandi famiglie di quella zona della città: i Brancaccio, i Carafa, i D’Aquino, i Gesualdo… allora radunate in una delle sei circoscrizioni, o seggi, in cui era divisa la città: il seggio di Nilo o di Nido, una delle più orgogliose, il sui stemma era un cavallo sfrenato, stemma che anticamente era dipinto in enormi dimensioni sul muro della chiesa che dà sulla piazza.

 

sec. XVII, Piazza San Domenico

 

Alla metà del Cinquecento, quando Tiziano era già una leggenda, il pittore davanti al quale Carlo V – il sovrano sul cui impero il sole non tramontava mai – si era chinato a raccogliere il pennello, tra le orgogliose nobili famiglie napoletane si insediano dei nuovi arrivati: genovesi per lo più, diventati ricchi come i signori della Wall Street o della Silicon Valley di oggi, grazie al commercio delle sete calabresi e soprattutto alle attività finanziarie.

Tra questi si distingueva un anziano banchiere, Cosimo Pinelli, che aveva fatto fortuna al punto che le sue ricchezze erano diventate proverbiali a Napoli:

 

quando si vuole significare una ricchezza inaudita si dice haverci […] li denari di Cosimo Pinello”.

 

Pinelli aveva risorse in abbondanza per compare feudi, titoli e palazzi, ma non avrebbe completato il suo inserimento nella Alta Società del tempo senza una decorosa cappella familiare.

Poiché era abituato a pensare in grande, la volle nella chiesa di San Domenico, in mezzo a quelle delle più antiche e orgogliose famiglie napoletane, e volle sull’altare un quadro di Tiziano, il pittore del re.

 

Cappella Pinelli nella chiesa di San Domenico Maggiore di Napoli

 

Ottenerlo era tutt’altro che facile, ma Cosimo aveva, oltre ai soldi, altre carte importanti da giocare: era amico e finanziatore del Viceré – e Tiziano da vent’anni aspettava una pensione promessa dal re, ma che avrebbe dovuto essergli pagata dal bilancio napoletano – e aveva in Veneto un figlio, Vincenzo, grande studioso, che si era inserito negli ambienti giusti per avvicinare il pittore.

Così il quadrò arrivò e fu ospitato in una cappella-scrigno fatta apposta per lui, e – cosa inusuale per un Tiziano – incontrò le critiche dei signori locali che è facile immaginare piuttosto invidiosi: “l’angelo è troppo grasso!”, al punto che se ne dovette organizzare una difesa pubblica.

 

Cappella Pinelli nella chiesa di San Domenico Maggiore di Napoli

 

Cappella Pinelli nella chiesa di San Domenico Maggiore di Napoli

 

Cappella Pinelli nella chiesa di San Domenico Maggiore di Napoli

 

In realtà tutto nella cappella allestita dal Pinelli era eclatante: l’architettura all’antica, con un frontale a tempietto che inquadrava il dipinto, la cupoletta ovale arricchita di stucchi, il pavimento e le pareti incrostate di marmi bianchi e colorati. Poiché lo spazio di chiesa acquistato non era abbastanza, lo si ampliò, sfondando i muri perimetrali della chiesa fino a rendere pensile la cappella, con una superfetazione che ancora oggi sporge su via San Domenico.

 

Esterno della Cappella Pinelli su via San Domenico Maggiore

 

Esterno della Cappella Pinelli su via San Domenico Maggiore

 

Non sappiamo da chi tutto ciò fu orchestrato, ma certo il dipinto fu al centro del progetto, e Tiziano non si risparmiò.

 

Il quadro che arrivò era perfetto: la luce proveniente dalla finestra di sinistra (una cappella con finestre laterali è tutt’altro che comune, ma questa era stata fatta su misura!) accompagnava con un fascio di luce l’ingresso di Gabriele, cosicché, come scrisse immaginosamente Roberto Longhi – riscoprendo il quadro sporco e dimenticato nella cappella da cui non si era mai mosso:

 

il gran fiorone dell’angelo preso dall’ombra nel gran boccio del viso s’impiuma nelle ali di dolce torpidezza,… le linee del volo nella veste hanno andari ellitici allentati e sfocati, e così lenti sono il moti della casacchetta di paradiso che un disegno leggero di broccatello ha il tempo di screziarla, come la natura ha tempo di operare miracoli in un fiore a lento sboccio… Qui Tiziano ha trovato anche la sua forma, ma quanto intelletto ha dovuto riassorbire nella propria visione, per permettersi questo nuovo romanticismo!”

 

Tiziano Vecellio
Annunciazione
1557 circa, particolare
olio su tela
280 x 193 cm
dalla chiesa di San Domenico Maggiore a Napoli
Museo e Real Bosco di Capodimonte

 

Dal lucernaio del cupolino scendeva con un altro raggio di sole,

una sopraggiunta irrequietezza come da cieli dirotti a fatica, accende vampe imprecise fra gli umori delle terre, e sa di amalgami d’inferni e di paradisi egualmente perduti mentre fumate lente bruciano d’incensi tutta la scena e la velano e la svelano.

 

Tiziano Vecellio
Annunciazione
1557 circa, particolare
olio su tela
280 x 193 cm
dalla chiesa di San Domenico Maggiore a Napoli
Museo e Real Bosco di Capodimonte

 

Un quadro che anticipa sensibilità barocche, e infatti piacque a Luca Giordano, che riuscì a fare di una copia, oggi in San Ginés, a Madrid, un altro capolavoro.

 

Luca Giordano
Annunciazione
San Ginés, Madrid

 

A Capodimonte il quadro, lontano dalla cappella di origine, ed anche dai più limpidi Tiziano farnesiani, racconta non solo la propria bellezza, ma anche questa storia di antiche nobili e ricche competizioni per l’abbellimento della città, svolte in spazi privati ma di fruizione pubblica, e trova modo di confrontarsi col più bel quadro dipinto da un artista napoletano nel Cinquecento, l’altra Annunciazione dipinta da Francesco Curia, pittore che non poca ispirazione trasse dall’esempio del vecchio maestro cadorino, stravolgendone però del tutto senso e i modi, come i grandi artisti sanno fare.

 

Francesco Curia
Annunciazione
Museo e Real Bosco di Capodimonte

 

Ma questa è un’altra storia, che forse potremo raccontare un’altra volta.

 

Tiziano Vecellio
Annunciazione
1557 circa
olio su tela
280 x 193 cm
dalla chiesa di San Domenico Maggiore a Napoli
Museo e Real Bosco di Capodimonte

 

Per chi volesse saperne di più:

Roberto Longhi, Giunte a Tiziano, L’Arte, XXVIII, 1925, p. 40-50, poi in Saggi e ricerche 1925- 1928, Firenze 1967, I, pp. 9-19.

Bartolomeo Maranta, Discorso all’Ill.mo Signor Ferrante Carafa Marchese di Santo Lucido in materia di pittura, nel quale si difende il quadro della cappella del Sig. Cosimo Pinelli, fatto per Tiziano, da alcune opposizioni fattegli da alcune persone, in Scritti d’arte del Cinquecento, a cura di P. Barocchi, I, Milano, 1971, pp. 863–900 e 1110

Alessandro Ballarin, Tiziano, Firenze 1968.

Andrea Zezza, Da mercanti genovesi a baroni napoletani: i Pinelli e la loro cappella nella chiesa di san Domenico Maggiore, in Estrategias culturales y circulación de la nueva nobleza en europa (1570-1707), a cura di Giovanni Muto y Antonio Terrasa Lozano, Madrid 2016, pp. 95-110.

 

Il testo di Andrea Zezza è inserito nell’iniziativa  “L’Italia chiamò – Capodimonte oggi racconta”.

 

Della stessa rubrica puoi leggere:

 

L’Estasi di Santa Cecilia di Bernardo Cavallino di Riccardo Lattuada

La Liberazione delle opere d’arte durante la Seconda Guerra Mondiale di Giovanna Bile

Il futuro digitale inizia oggi di Giovanni Lombardi

Francesco Barberini, Antonio Giorgetti e il medaglione allegorico di Luca Olstenio di Alessandro Mascherucci e Yuri Primarosa

Giuseppe Renda e il rinnovamento della scultura a Napoli tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento di Diego Esposito

La fuga in Egitto di Battistello Caracciolo di Christopher Bakke

L’Effetto Flora di Patrizia Piscitello

La Flora Farnese di Filippo Tagliolini di Maria Flavia Lo Regio

Hector! Chi era costui? di Antonio Tosini

L’Elemosina di Sant’Elisabetta d’Ungheria di Bartolomeo Schedoni di Marco Liberato

Capemonte mm’ha dato Ammore e Vvita! di Gianna Caiazzo e Giuseppe Murolo

Napoli Napoli: un allestimento, un’estate, un ricordo di Francesca Dal Lago

Il restauro del Buon Samaritano di Luca Giordano di Sara Vitulli, presentazione di Stefano Causa

Il Real Bosco di Capodimonte: l’arte che respira di Carmine Guarino

La Resurrezione di Cristo di Giovanni Antonio Bazzi detto il Sodoma di Patrizia Piscitello

Il trittico con le Storie della Passione di Paola Giusti

La Crocifissione di Masaccio di Alessandra Rullo

L’intervento conservativo dell’opera di Mario Merz Onda d’urto di Simonetta Funel

Onda d’urto di Mario Merz di Ophilia Ramnauth Luciana Berti

L’inaugurazione virtuale della mostra Luca Giordano di Patrizia Piscitello e Alessandra Rullo

Il racconto virtuale della mostra Luca Giordano di Sylvain Bellenger, video di Carmine Romano

La mostra Luca Giordano. Dalla Natura alla Pittura di Stefano Causa

Il bacio della nonna di Gioacchino Toma di Alessia Attanasio

Il Crocifisso ligneo del Monastero di San Paolo a Sorrento di Gennaro Galano

La Galleria fotografica di Mimmo Jodice di Giovanna Bile

Il servito da tavola di Manifattura Del Vecchio di Alessandra Zaccagnini

Gli scarti di fabbrica della Manifattura di Capodimonte di Maria Rosaria Sansone

La Madonna del Divino Amore di Raffaello di Angela Cerasuolo

L’archibugio per Ranuccio I Farnese di Antonio Tosini

Il restauro della Natività di Signorelli di Liliana Caso

La Chiesa di San Gennaro di Liliana Uccello

Gemito, o’ scultore pazzo di Sylvain Bellenger 

Vesuvius di Andy Warhol di Luciana Berti

Le acquisizioni della Real Casa dal 1870 al 1912, Gemito e non solo di Maria Tamajo Contarini

“Gemito, dalla scultura al disegno” con i contributi di Carmine Romano, Roberto Cremascoli, Sylvain Bellenger

Vincenzo Gemito di Jean-Loup Champion

Il museo di Molajoli e de Felice nel 1957 di Rosa Romano

Le vaccinazioni alla Reggia di Benedetta de Falco

La Letizia di Canova di Alessia Zaccaria

Il Bosco Reale di Nunzia Petrecca

Come nasce la passione per l’arte di Marco Liberato

La Cassetta Farnese di Patrizia Piscitello

Da Frisio a Santa Lucia di Eduardo Dalbono di Paola Aveta

Ercole al Bivio di Annibale Carracci di Valentina Canone

Il Ritratto di Fra Luca Pacioli di Alessandra Rullo

 

Seguite gli aggiornamenti sul nostro blog e i nostri canali social