Oggi è il compleanno di… Parmigianino

Lunedì 11 gennaio, qui al Museo di Capodimonte, festeggiamo i 513 anni di Francesco Mazzola, detto il Parmigianino per il suo aspetto minuto e gentile, raccontandone la vita e le opere in Collezione Farnese. Chi si nasconde dietro l’enigmatico ritratto della cosiddetta Antea? e qual è il significato della medaglia che Galeazzo Sanvitale ci mostra? perché nella poetica Sacra Famiglia le figure ci appaiono allungate? e cosa rende senza tempo il gesto di Lucrezia, l’eroina dell’Antica Roma che si toglie la vita a causa della violenza subita da Tarquinio?

 

Parmigianino mostra fin da giovane il proprio genio pittorico tanto che le più importanti e agiate famiglie della nobiltà emiliana fanno a gara per avere una sua opera. Con virtuosismo spavaldo si presenta a Roma portando con sé uno straordinario biglietto da visita: un autoritratto nel vetro convesso di uno specchio da barbiere.

 

Questo ed altri incredibili effetti ottici rendono misteriose le sue tele così come le pratiche alchemiche cui dedica gli ultimi anni della sua carriera. Personalità carismatica, in lui si era trasferito, come scrive Vasari, “lo spirito” del grande Raffaello, salvo poi ridursi negli ultimi tempi “mal condotto… malinconico e strano”, tutto preso e consumato dagli esperimenti di alchimia, e proprio come Raffaello muore a soli trentasette anni.

 

Gli approfondimenti, a cura dell’Ufficio Accoglienza e Valorizzazione, si svolgeranno alle ore 11.30 16.30.

 

Per partecipare alla visita è necessario munirsi del biglietto d’ingresso e non occorre prenotare.

 

I partecipanti potranno usufruire di una riduzione al bar caffetteria di Capodimonte per una fetta di torta.

 

Per info: 081 7499130 (10-13; 15-18)