Opere in prestito

 

Il Museo di Capodimonte collabora con altri musei e istituzioni culturali, a livello nazionale e internazionale, alla realizzazione di mostre ed esposizioni artistiche. L’attività di prestito delle opere e le relazioni di scambio tra istituzioni incrementano il profilo del Museo e forniscono una piattaforma grazie alla quale si può attrarre l’interesse e il sostegno per progetti e iniziative, contribuendo a far conoscere nel mondo il Museo di Capodimonte come un centro importante per le arti visive, con una prestigiosa collezione permanente.

 

Per migliorare l’esperienza di visita all’interno del Museo, si invita dunque a prendere visione dell’elenco delle opere in prestito, per verificare in anticipo se l’opera a cui si è particolarmente interessati non sia fuori per mostre.

 

L’elenco prende in considerazione le opere abitualmente inserite nel percorso espositivo e non comprende le opere conservate nei depositi. Inoltre, le date segnalate si riferiscono alla durata delle rispettive mostre, non includendo i necessari tempi tecnici di preparazione, trasporto e allestimento delle opere da e per il Museo di Capodimonte.

 

Per ulteriori informazioni: mu-cap.accoglienza.capodimonte@beniculturali.it

Objects on loan

 

The Museum of Capodimonte collaborates with other museums and cultural institutions, nationally and internationally, to the realization of art exhibitions. The lending of artworks and exchange relationships between institutions increase the value of the museum and provide a platform through which is possible to attract the interest and support for projects and initiatives, helping to raise awareness in the world of the Museum of Capodimonte as a notable center for visual arts, with a prestigious permanent collection.

 

To enhance the experience of visiting the Museum, we invite you therefore to read the list of the objects on loan, to check in advance if the artwork to which you are particularly interested in is out for exhibitions.

 

The list takes into account those artworks usually included throughout the exhibition, and does not include the artworks in storage. Additionally, the dates indicated refer to the duration of various exhibitions, not including the necessary time required for preparation, transport and mounting of the objects from and to the Museum of Capodimonte.

 

For further information : mu-cap.accoglienza.capodimonte@beniculturali.it

Rientro Giovanni Bellini

Tornano a casa la Trasfigurazione di Bellini e la Lucrezia di Parmigianino

Non c’è mostra prestigiosa al mondo che non chieda prestiti al Museo di Capodimonte. Né manuale di storia dell’arte o libro di divulgazione come quelli di Philippe Daverio che non riporti al suo interno almeno due o tre opere della collezione del Museo tra i capolavori del patrimonio non italiano ma mondiale.

Due di questi capolavori sono di nuovo visibili nella Collezione Farnese per i visitatori, di rientro da due mostre che hanno riscosso un considerevole successo di pubblico e critica, ovvero la Trasfigurazione di Giovanni Bellini e la Lucrezia di Parmigianino.

Sala 8 - Giovanni Bellini

La Trasfigurazione di Giovanni Bellini torna… a casa

Bellini in prestito dal nostro Museo alla città di Vicenza dal 7 ottobre all’11 dicembre 2016

Grazie al prestito eccezionale concesso dal Museo di Capodimonte, diretto da Sylvain Bellenger,  dopo quasi cinque secoli di assenza ritorna a Vicenza un capolavoro assoluto di Giovanni Bellini: dal 7 ottobre all’11 dicembre 2016, in occasione del Cinquecentenario della morte di Bellini, la Trasfigurazione sarà esposta alle Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari (Contra’  Santa Corona, 25).

Andy Warhol - Vesuvius

Nuova linfa per il contemporaneo di Capodimonte

Il 14 luglio dalle ore 20.30 riapre al pubblico il Contemporaneo al Museo di Capodimonte!

 

Sarà visitabile con orari prolungati, e accessibile con una card dedicata. Per i festeggiamenti inaugurali, in collaborazione con l’Associazione Incontri Internazionali d’Arte, sarà ospitata l’opera Io e Zeus di Cy Twombly e ci sarà un concerto del rinomato Conservatorio di San Pietro a Maiella, ormai partner del museo in molteplici occasioni.