Opere in prestito

 

Il Museo di Capodimonte collabora con altri musei e istituzioni culturali, a livello nazionale e internazionale, alla realizzazione di mostre ed esposizioni artistiche. L’attività di prestito delle opere e le relazioni di scambio tra istituzioni incrementano il profilo del Museo e forniscono una piattaforma grazie alla quale si può attrarre l’interesse e il sostegno per progetti e iniziative, contribuendo a far conoscere nel mondo il Museo di Capodimonte come un centro importante per le arti visive, con una prestigiosa collezione permanente.

 

Per migliorare l’esperienza di visita all’interno del Museo, si invita dunque a prendere visione dell’elenco delle opere in, per verificare in anticipo se l’opera a cui si è particolarmente interessati non sia fuori per mostre.

 

L’elenco prende in considerazione le opere abitualmente inserite nel percorso espositivo e non comprende le opere conservate nei depositi. Inoltre, le date segnalate si riferiscono alla durata delle rispettive mostre, non includendo i necessari tempi tecnici di preparazione, trasporto e allestimento delle opere da e per il Museo di Capodimonte.

 

Per ulteriori informazioni: mu-cap.accoglienza.capodimonte@beniculturali.it

Caravaggio a Monza

La Flagellazione di Cristo del Museo di Capodimonte, capolavoro di Michelangelo Merisi da Caravaggio, è l’ospite d’onore alla Reggia di Monza di una mostra gratuita, a cura di Andrea Dusio e Sylvain Bellenger, che si inaugura oggi 16 marzo e sarà aperta fino al 17 aprile 2016.

 

Nel dipinto, le possenti figure di Cristo e dei suoi aguzzini bloccate come in un’istantanea fotografica preparano il martirio con gesti sobri ed essenziali, avanzando dall’oscurità quasi totale dello sfondo, in cui si intravede la colonna a cui Gesù è stato legato. Una luce potente investe i personaggi, indaga i dettagli naturalistici e contribuisce alla resa del dramma, di cui viene sottolineato principalmente l’aspetto umano.

Correggio e Parmigianino a Roma

In occasione della mostra Correggio e Parmigianino. Arte a Parma nel Cinquecento (Roma, Scuderie del Quirinale, 12 marzo – 26 giugno 2016) il Museo di Capodimonte presta tre dipinti della Collezione Farnese: lo Sposalizio mistico di santa Caterina di Antonio Allegri, detto il Correggio (Correggio, 1489-1534), il Ritratto di giovane donna detta “Antea” e la Lucrezia di Francesco Mazzola, detto il Parmigianino (Parma, 1503-Casalmaggiore, 1540).

 

Le acquisizioni dello Stato per Capodimonte

Sono nuovamente visibili le opere di recente acquisizione del Museo di Capodimonte prestate alla mostra a Castel Sant’Angelo: il Ritratto virile di Girolamo Santacroce, il Ritratto dell’arciduca Carlo d’Asburgo di Francesco Solimena, il San Girolamo di Gaspare Traversi e la Madonna con il Bambino fra san Matteo e san Giovanni Evangelista attribuita all’officina meridionale di Cesare da Sesto.