Avviso importante

Si avvisa che oggi martedì 19 novembre 2019 il Real Bosco di Capodimonte resterà chiuso per le avverse condizioni meteo. L’accesso al Museo è garantito da Porta Grande e da Porta Piccola.


Il Real Bosco è un Parco Pubblico

 

 

A partire da sabato 9 marzo 2019 riapre l’area delle praterie adiacenti il Cellaio e l’Istituto ad indirizzo raro G. Caselli e, di conseguenza, riaprono le porte di accesso Porta Caccetta, Porta di Mezzo e Porta Miano per un totale di 24 ettari che si aggiungono ai 14 ettari già riaperti il 23 novembre scorso nell’area cosiddetta del “Parco”, ovvero lo spianato adiacente la Reggia e il Giardino dei Principi.

Nella mappa le aree interessate dalla riapertura parziale seguita ai danni provocati dalla tempesta del 29 ottobre scorso. Resta interdetta la parte meridionale del bosco.

Leggi qui i dati dell’emergenza.

Un giardino è un’opera d’arte. Come scrive Edouard Andrè, famoso paesaggista francese, professore della scuola di Versailles e autore di numerosi giardini in Europa, un’opera d’arte di difficile assemblaggio o meglio di difficile mescolamento tra arte e scienza. Infatti a differenza di una statua, un dipinto, una composizione musicale o poetica, un giardino non può mai dirsi ultimato. Le piante sono per il giardino come le cellule di un organismo vivente, che continua a crescere a trasformarsi, tanto che un luogo muta continuamente d’aspetto, anche da un giorno all’altro. Ma essendo il giardino concepito secondo un progetto, se lasciato a se stesso, la materia vegetale comincia a procedere per proprio conto e se non si esercita da parte di chi gli è preposto un controllo continuo, sfocia nella confusione, nel degrado.

 

Il Real Bosco di Capodimonte è passato sotto la direzione del Museo di Capodimonte con la Riforma Franceschini che ha unificato due gestioni in precedenza afferenti a diverse Soprintendenze, una vera e propria rivoluzione amministrativo-gestionale che ha trasformato l’identità culturale e la missione stessa del museo.

 

La Direzione del Real Museo e Bosco di Capodimonte ha intrapreso con la sua squadra un complesso compito nel voler recuperare il parco di Capodimonte nella sua interezza o meglio nei suoi significati più profondi. Il Bosco è un bene culturale, protetto dall’Unesco, per il suo immenso patrimonio storico, architettonico e botanico. In tale contesto è stato iniziato un profondo studio sulla storia del parco, consultati centinaia di documenti di archivio (sono stati trovati perfino gli originari elenchi delle specie piantate a Capodimonte), analizzati l’iconografia storica, fotografie, vecchi articoli di giornali o guide turistiche di inizio secolo scorso. Sylvain Bellenger Continua a leggere

Avere cura di un giardino è essenziale per preservarne la naturale bellezza. Ecco perché abbiamo elaborato un regolamento e creato per voi degli spazi per ogni attività come l’area bambini, i campi di calcetto, i campi di rugby e baseball, le aree destinate ai cani, l’area picnic.

Nella mappa che potrete scaricare qui sono indicate le aree e le informazioni utili come i parcheggi esterni (a pagamento), i servizi, le fontanine di acqua potabile, i beverini per i cani, gli ingressi principali e gli edifici del bosco.

Informazioni pratiche

 

Ingresso libero

 

Orari di apertura

nei mesi di ottobre, febbraio e marzo:

apertura ore 7.00 e chiusura ore 18.00

 

nei mesi di novembre, dicembre e gennaio:
apertura ore 7.00 e chiusura ore 17.00

 

nei mesi di aprile, maggio, giugno, luglio, agosto e settembre:
apertura ore 7.00 e chiusura ore 19.30

 

Giorni di chiusura:
25 Dicembre, 1° Gennaio, Pasquetta

 

Indirizzo

Via Miano 2 – 80131 Napoli

 

Regolamento

 

Sostieni il Real Bosco di Capodimonte

 

Adotta una panchina, un albero, un portabici, una fontanella, o un beverino per cani e ricevi in cambio vantaggi fiscali e una targhetta personalizzata.

 

Grazie all’iniziativa Adotta una panchina, un albero, un portabici, una fontanella o un beverino per cani lanciata dalla direzione del Museo in collaborazione con Amici di Capodimonte onlus, sono stati “adottati” 44 alberi (tra questi 4 secolari bisognosi di interventi conservativi e 14 nuovi messi a dimora in occasione della Festa dell’Albero del 21 novembre scorso), 111 panchine, 3 beverini per cani, 3 portabici, 1 fontanella.

 

 

 


Sostieni il Museo e Real Bosco di Capodimonte con Art Bonus e diventa un mecenate in cambio di vantaggi fiscali.

 

È già in corso e aperto a tutti il Restauro della storica Fontana del Belvedere ma molti altri progetti aspettano il vostro contributo.

Aiutateci a raggiungere i nostri obiettivi!

 

 

Il Real Bosco è un Giardino Storico

Vai alla pagina

 


Archivio articoli sul Real Bosco di Capodimonte

Luglio Musicale a Capodimonte (III edizione) / 1-8-14-22-29 Luglio 2018

Musica al tramonto sul Belvedere di Capodimonte per la terza edizione del Luglio musicale, dedicato a Gioacchino Rossini nel 150° anniversario della sua scomparsa con quattro concerti alle ore 19.00 nelle domeniche di luglio (1, 8, 22 e 29) e un concerto-spettacolo sabato 14 luglio alle ore 21.00 con il M° Peppe Barra.

Omaggio al glorioso Luglio musicale di Capodimonte riproposto, dopo il grande successo delle scorse edizioni, dal direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte Sylvain Bellenger con la musicista Elsa Evangelista, la collaborazione dell’associazione Amici di Capodimonte onlus.

Il primo Festival della Musica popolare del Sud Italia e gli itinerari guidati nel Museo e Real Bosco di Capodimonte

Una grande festa della musica, quattro giorni nel Real Bosco di Capodimonte con il Festival della Musica popolare del Sud Italia da giovedì 21 a domenica 24 giugno 2018, organizzato dal Museo e Real Bosco di Capodimonte, con la direzione artistica di Peppe Barra in collaborazione con Antonio Acocella, direttore del Centro di Cultura popolare del Mediterraneo, il coordinamento di Aurora Giglio, presidente dell’associazione MusiCapodimonte e il sostegno della Regione Campania nell’ambito delle iniziative Carta Bianca nel Bosco.

E ancora Fuoco, Maestà! un itinerario guidato tra i sentieri di caccia al tempo dei Borbone e Questione di colore: nel blu dipinto di blu… dal Maestro delle Tempere francescane al blu du Sèvres, un viaggio tra forma e materia per svelare i segreti delle infinite sfumature utilizzate da pittori, scultori, intagliatori, maestri ceramisti, e l’apertura dell’Ottocento privato domenica mattina.

Scopri tutti gli appuntamenti nel dettaglio.