Il Real Bosco è un Parco Pubblico

Un giardino è un’opera d’arte. Come scrive Edouard Andrè, famoso paesaggista francese, professore della scuola di Versailles e autore di numerosi giardini in Europa, un’opera d’arte di difficile assemblaggio o meglio di difficile mescolamento tra arte e scienza. Infatti a differenza di una statua, un dipinto, una composizione musicale o poetica, un giardino non può mai dirsi ultimato. Le piante sono per il giardino come le cellule di un organismo vivente, che continua a crescere a trasformarsi, tanto che un luogo muta continuamente d’aspetto, anche da un giorno all’altro. Ma essendo il giardino concepito secondo un progetto, se lasciato a se stesso, la materia vegetale comincia a procedere per proprio conto e se non si esercita da parte di chi gli è preposto un controllo continuo, sfocia nella confusione, nel degrado.

 

La Direzione del Real Museo e Bosco di Capodimonte ha intrapreso con la sua squadra un complesso compito nel voler recuperare il parco di Capodimonte nella sua interezza o meglio nei suoi significati più profondi. Il Bosco è un bene culturale, protetto dall’Unesco, per il suo immenso patrimonio storico, architettonico e botanico. In tale contesto è stato iniziato un profondo studio sulla storia del parco, consultati centinaia di documenti di archivio (sono stati trovati perfino gli originari elenchi delle specie piantate a Capodimonte), analizzati l’iconografia storica, fotografie, vecchi articoli di giornali o guide turistiche di inizio secolo scorso. Sylvain Bellenger Continua a leggere

Avere cura di un giardino è essenziale per preservarne la naturale bellezza. Ecco perché abbiamo elaborato un regolamento e creato per voi degli spazi per ogni attività come l’area bambini, i campi di calcetto, le aree destinate ai cani, l’area picnic.

Nella mappa che potrete scaricare qui sono indicate le aree e le informazioni utili come i parcheggi esterni (a pagamento), i servizi, la fontanina di acqua potabile, il beverino per i cani, gli ingressi principali e gli edifici del bosco.

Informazioni pratiche

 

Ingresso libero

 

Orari di apertura

nei mesi di ottobre, febbraio e marzo:

apertura ore 7.15 e chiusura ore 18.00

 

nei mesi di novembre, dicembre e gennaio:
apertura ore 7.15 e chiusura ore 17.00

 

nei mesi di aprile, maggio, giugno, luglio, agosto e settembre:
apertura ore 7.15 e chiusura ore 19.30

 

Giorni di chiusura:
25 Dicembre, 1° Gennaio, Pasquetta

 

Indirizzo
Via Miano 4, 80145 Napoli

Regolamento

Sostieni il Real Bosco di Capodimonte

 

Adotta una panchina, un albero o una fontanella e ricevi in cambio vantaggi fiscali e una targhetta personalizzata.

Partecipa alla raccolta fondi per il Restauro della Fontana del Belvedere con Art Bonus e diventa un mecenate in cambio di vantaggi fiscali.

Archivio articoli sul Real Bosco di Capodimonte

Inaugurazione della prima area rugby e anteprima VII Trofeo Partenope Rugby Junior

Sarà inaugurata mercoledì 18 aprile alle ore 11.00 la prima area rugby al Museo e Real Bosco di Capodimonte alla presenza del direttore Sylvain Bellenger, del presidente degli Amici di Capodimonte onlus Errico di Lorenzo, dell’assessore comunale allo Sport Ciro Borriello, di Dario Calapai presidente settore giovanile dell’Associazione Polisportiva “Partenope”, di Franco Ascione responsabile area tecnica Federazione Italiana Rubgy e per la terza municipalità del presidente Ivo Poggiani e dell’assessore alla legalità Carmela Sermino, vedova di Giuseppe Veropalumbo, vittima innocente di camorra, colpito da un proiettile vagante a Torre Annunziata la sera del 31 dicembre del 2007.

Parte da Capodimonte il corso biennale dedicato al Restauro di Giardini, Parchi e Siti Unesco

Stamattina al Cellaio del Real Bosco di Capodimonte Sylvain Bellenger, Mauro Felicori, l’assessore Chiara Marciani, Maria Grazia Falciatore e l’ambasciatore Francesco Caruso per la Regione Campania, hanno presentato alla stampa i ragazzi selezionati tra 240 candidati che frequenteranno nei prossimi due anni il corso.

Bellenger: E’ un sogno che si realizza.

Felicori: La formazione crea occupazione.