Weekend a Capodimonte tra musica, mostre e colori

Domenica  18 febbraio il Museo e Real Bosco di Capodimonte propone degli eventi dedicati ai più piccini senza escludere i più grandi.
La Compagnia Arcoscenico accoglierà i bambini con la Dama di Corte, Re Pulcinella e la Fata delle farfalle. Il Maestro Rosario Ruggiero intratterà i visitatori nella Sala Camuccini con le sue Suggestioni Musicali (dalle ore 10.30 alle 12.30). Una visita guidata gratuita pensata per tutti gli insegnanti e i loro familiari alla mostra Carta bianca Capodimonte Imaginaire, infine ci sarà l’attività laboratoriale fondata su temi legati all’architettura e al patrimonio del verde, rivolta ai bambini:  Il casino della regina e delle delizie il secondo incontro del progetto Il Bosco delle Meraviglie.

#domenicalmuseo a Capodimonte. Musica, artisti di strada, #giochidarte e la mostra Carta Bianca

Il 4 Febbraio ritorna l’appuntamento con la #domenicalmuseo ad ingresso gratuito nei musei statali per la prima domenica di ogni mese.

Al Museo e Real Bosco di Capodimonte le Suggestioni Musicali a cura del M° Rosario Ruggiero animeranno il Salone Camuccini, (ore 10.30-12.00), tre artisti di strada accoglieranno i visitatori, prestando particolare attenzione al pubblico dei più piccoli (ore 10.30-12.30): la Dama di corte (Antonella Quaranta), Re Pulcinella (Rodolfo Fornario) e La Fata delle farfalle (Patrizia Capacchione), le Cuoche al Palazzo: racconteranno che se magn’a Capemonte? iniziative a cura dell’associazione MusiCapodimonte, e ha inizio la nuova campagna social del mese di febbraio #giochidarte dedicata al tema del gioco.

La mostra Carta bianca, la galleria delle arti a Napoli dal ‘200 al ‘700 e l’arte contemporanea saranno visitabili a soli 4 euro.

 

Contest #lamiacartabianca: diventa anche tu curatore!

In occasione della mostra Carta Bianca. Capodimonte Imaginaire, a cura di Sylvain Bellenger e Andrea Viliani (fino al 17 giugno 2018), il Museo e Real Bosco di Capodimonte lancia il contest #lamiacartabianca: i visitatori sono chiamati a (ri)scoprire la collezione del Museo, proponendo il proprio originale e creativo punto di vista: smartphone alla mano, i partecipanti dovranno selezionare da 1 a 10 opere tra quelle esposte in collezione, fotografarle e comporre #lamiacartabianca su Instagram (profilo ufficiale: https://www.instagram.com/museoboscocapodimonte/).

 

Primo weekend della mostra Carta Bianca e laboratorio di disegno, visite guidate e performance

Sabato 16 e domenica 17 dicembre 2017 è il primo weekend utile per visitare Carta Bianca. Capodimonte Imaginaire ma anche per partecipare al laboratorio di disegno di Caroline Peyron Quando gli occhi e le mani parlano, alle visite guidate al contemporaneo Gli elementi del contemporaneo. Trame di terra! e per assistere alla performance Voci fiammingoletane, 1 opera/1 poemetto di Giovanni Meola.

Scopri tutti gli appuntamenti nel dettaglio.

Weekend dell’Immacolata a Capodimonte. Cinema, perfomance, attività didattiche e la mostra Carta Bianca

Il lungo weekend del Ponte dell’Immacolata comincia a Capodimonte con la rassegna gratuita di cinema in auditorium giovedì 7 dicembre e si concluderà lunedì 11 con l’inaugurazione della mostra Carta Bianca, da un’idea di Sylvain Bellenger e Andrea Viliani, che vedrà la partecipazione di dieci personalità, attive in diversi campi del sapere (Laura Bossi Régnier, Giuliana Bruno, Gianfranco D’Amato, Marc Fumaroli, Riccardo Muti, Mariella Pandolfi, Giulio Paolini, Paolo Pejrone, Vittorio Sgarbi, Francesco Vezzoli) a un progetto espositivo polifonico sulle collezioni di Capodimonte.
Ecco in dettaglio gli appuntamenti di un weekend che offre al visitatore perfomance, visite guidate e laboratori didattici.

musei italiani social

Rivoluzionaria unione di Museo e Bosco di Capodimonte al Convegno Musei Italiani

Un incremento dei visitatori del 55% annuo e del 29,8 degli introiti annuali: sono questi i numeri presentati da Sylvain Bellenger, direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte nel corso del convegno sui musei statali organizzato dal ministro per i Beni e le attività culturali e per il turismo Dario Franceschini a due anni dalla riforma per fare il punto sulle difficoltà affrontate, sui risultati raggiunti e sulla visione dei musei autonomi, tra cinque anni.

Nell’affollata sala Ottagona delle Terme di Diocleziano a Roma, introdotte dal nuovo direttore generale Antonio Lampis, risuonano cifre, dati, percentuali, incrementi ma oltre ai numeri è palpabile l’entusiasmo di tutti i direttori che hanno accettato la sfida di guidare i principali musei statali che con le loro collezioni contribuiscono a definire l’identità del nostro Paese, come ha sottolineato il ministro Franceschini nel suo intervento finale, riconoscendo i risultati positivi raggiunti e non negando il problema della carenza di personale che ancora esiste.